Anice Stellato

    Anice Stellato

    La droga dell'anice stellato è costituita dal baccello, con i semi, del frutto dell'Illicium verum. Arbusto sempreverde originario della Cina sud-occidentale, il cui baccello ha una caratteristica forma a stella a 8-12 punte, all'interno di ogni punta è presente il seme, ed entrambi sono molto apprezzati in culinaria per il loro particolare aroma.

    Pianta Anice StellatoL'anice stellato si presenta come un albero tropicale sempreverde alto dai 5 ai 10 metri, con foglie intere lanceolate, alla cui ascella si formano dei fiori
    bianchi-giallastri formati da 15-20 petali disposti a spirale. Il fiore presenta anche molti stami e 8-12 carpelli disposti come i raggi di una stella. Il frutto è un follicolo legnoso formato da 8-12 lobi disposti a stella attaccati ad un peduncolo conosciuto come columella. All'interno di ogni lobo è presente un seme.
     
    Da oltre 3000 anni, in Cina viene utilizzato come rimedio nella medicina tradizionale locale, ma anche come spezia. Ma dobbiamo attendere la fine del 1500 per poterlo conoscere in Europa, quando un marinaio inglese lo iniziò a commercializzare lungo la via del tè dalla Cina, attraverso la Russia. A quei tempi era molto apprezzato in Europa per la preparazione di sciroppi, budini e marmellate, ma i suoi baccelli interi erano usati per insaporire brasati, zuppe e stufati e rimossi a fine cottura. I baccelli non si ammorbidiscono con la cottura, per cui non possono essere mangiati.
    L'anice stellato ha un sapore molto forte e distinto, caldo, dolce e piccante, simile a quello della liquirizia, dei semi di finocchio, dei chiodi di garofano e, naturalmente, dei semi di anice. Sebbene il sapore dell'anice stellato sia generalmente considerato dolce, è comunemente usato in piatti salati; si abbina bene con agrumi, cipolle, pollame, manzo, cannella, noce moscata e zenzero e dovrebbe essere usato in piccole quantità.

    Anice stellato in Fitoterapia

    I principi attivi dell'anice stellato sono cumarine, furocumarine, triterpeni, polifenoli e flavonoidi; l'olio essenziale presente è ricco in anetolo.

    All'anice stellato vengono attribuite proprietà stomachiche ed eupeptiche; per questo motivo, non è raro che la pianta venga utilizzata come rimedio per contrastare la perdita di appetito.
    I principi attivi presenti conferiscono alla pianta anche proprietà espettorante ed antispasmodiche nei confronti del tratto gastroenterico, dovute principalmente all'olio essenziale ed ai fenoli contenuti all'interno dell'anice stellato, che sono in grado di esercitare un'azione di tipo broncosecretolitica e di indurre il rilassamento della muscolatura liscia gastrointestinale.
    L'attività secretolitica svolta dai principi attivi presenti nell'olio essenziale risulta particolarmente utile in caso di affezioni infiammatorie delle vie respiratorie, per il trattamento di moltissime problematiche legate non solo al primo tratto, ma a tutte le vie respiratorie, e lo rendono particolarmente apprezzato per tossi e bronchiti.

    Nella medicina popolare, l'anice stellato viene apprezzato molto come tisana principalmente per le vie respiratorie, ma sono molti gli usi, successivamente confermati dalla ricerca scientifica, che gli garantisce proprietà galattogoghe, per favorire l'aumento della produzione di latte materno dopo il parto. Utile anche per disturbi digestivi che provocano flatulenza e diarrea.

    Citiamo anche un uso tradizionale nella medicina indiana come trattamento per l'artrite reumatoide e paralisi facciale, ma la cui efficacia ancora deve essere confermato dalla ricerca scientifica.

    Le applicazioni sopra riportate non presentano in alcun caso natura prescrittiva o terapeutica.
    Consultare sempre preventivamente il proprio medico in caso di malessere o malattia

    Torna al blog

    Lascia un commento

    Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.