Cacao

    Cacao

    Storia del Cacao

    Il Cacao ha una storia millenaria, tanto che le prime documentazioni di utilizzo, risalgono ad oltre 4000 anni fa.
    Nelle culture Maya, come anche tra gli Olmechi, gli Izapan, gli Aztechi e gli Incas, la consideravano una bevanda spumosa, divina e altamente pregiata, arrivando persino a venerare quelle divinità che avevano portato il cacao nel mondo. Il suo valore era così elevato che nell'impero azteco i semi di cacao venivano persino utilizzati come prima forma di denaro, tassata e persino contraffatti!

    La parola "cacao" deriva dalla parola olmeca e maya "kakaw", il termine cioccolato invece deriva dalla lingua nahuatl, parlata dagli aztechi, che utilizzavano la parola "Chocolatl" per indicare la "bevanda amara" "acqua amara".In latino invece il termine scientifico della pianta Theobroma Cacao significa letteralmente "cibo degli dei" (Theo=dio; e broma=cibo). 

    Lo stesso Cortès, quando gli venne servito la bevanda disse "Questa bevanda è la cosa più salutare e il più grande sostentamento di qualsiasi cosa, si possa bere al mondo, perchè colui che beve una tazza di questo liquido, per quanto possa camminare, può andare avanti un giorno intero senza mangiare altro". 

     Gli spagnoli furono i primi importatori del cacao in Europa all'inizio del XVI secolo, avendone il monopolio, anche la distribuzione su territorio europeo però era molto ridotta, quasi esclusiva per le classi sociali più facoltose. Soltanto dopo che la Spagna perse il monopolio sull'importazione, il cacao ebbe una distribuzione a macchia d'olio in tutta Europa, facendone partire anche diversi progetti di produzione di derivati, etc. 

    il cacao in erboristeria

    La droga del Theobroma Cacao è costituita dai semi ricchi in polifenoli, tannini, amine biogene, lipidi, alcaloidi (come caffeina e teobromina), proteine, glucidi, sali minerali e vitamine.

    Il cioccolato viene considerato come un functional food, ovvero un alimento in grado di apportare all'organismo sia sostanze funzionali che salutari. 

    Ma oltre a questi utilizzi in ambito culinario, il cacao presenta delle proprietà fitoterapiche, maggiormente legate alla teobromina cui vengono ascritte attività diuretica, vasodilatatrice e broncodilatatrice. Inoltre, insieme alla caffeina presente, svolge una leggera azione stimolante del muscolo cardiaco

    polifenoli presenti nei semi invece hanno  una spiccata proprietà antiossidante, e antinfiammatoria.

    Nella medicina popolare il cacao rappresenta un valido rimedio per il trattamento di infezioni intestinali ed alla diarrea, svolgendo anche una blanda azione regolarizzante della funzionalità tiroidea.
    E' ben noto da tempo il suo utilizzo quotidiano per contrastare i disturbi di ansia, stress e lieve depressione. 

    effetti collaterali del cacao

    Il cacao, se utilizzato correttamente, senza assurmene quantità eccessive, tende a non avere nessun effetto collaterale. In caso di uso eccessivo, persino nei bambini, può provocare diversi effetti collaterali tra cui, cefalee, costipazione, disturbi del sonno e aumento eccessivo del battito cardiaco, tutti effetti collaterali correlati alle metilxantine presenti nei semi (ovvero teobromina e caffeina).

    il cacao nel #PartyDaThe

    abbiamo creato alcuni infusi a base di cacao, più che altro abbiamo cercato di abbracciare un concetto filosofico nell'infuso CacaoChai, ed una formula innovativa per spingere il suo aroma nella miscela CacaoDream.

    Le applicazioni sopra riportate non presentano in alcun caso natura prescrittiva o terapeutica.
    Consultare sempre preventivamente il proprio medico in caso di malessere o malattia

    Torna al blog

    Lascia un commento

    Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.